UNUCI TORINO : Vivi Le Forze Armate



Il blog raduna le attività della Sezione di Torino, rappresenta la Presidenza Nazionale in quanto realtà periferica, manleva la stessa da eventuali usi impropri.

La Sezione segue i dettami del suo Statuto Nazionale:

La vigilanza sull’UNUCI è esercitata dal Ministero della Difesa.

Art. 2 Finalità dell’Associazione
1. L’UNUCI ha lo scopo di concorrere alla formazione morale e professionale degli Ufficiali di ogni ruolo e grado delle categorie in congedo nonché, alle connesse attività divulgative e informative, per il loro impiego nell’ambito delle Forze di completamento e delle Unità militari attive.
2. Per il raggiungimento dei suoi scopi l’UNUCI svolge i seguenti compiti:
a. tutela il prestigio degli Ufficiali in congedo, mantiene alto il morale e vivo l’attaccamento alle Forze armate e ai Corpi di appartenenza;
b. rende sempre più saldi i vincoli fra gli Ufficiali in congedo e quelli in servizio di tutte le Forze Armate e dei Corpi armati dello Stato;
c. collabora con le competenti Autorità militari, anche su base convenzionale, all’addestramento e alla preparazione fisica e sportiva del personale militare in congedo, che aderisce al reimpiego in servizio nelle Forze di completamento;
d. mantiene rapporti con organizzazioni internazionali fra Ufficiali in congedo per lo svolgimento di programmi addestrativi per il pronto inserimento dei riservisti nelle formazioni militari e opera in vari contesti internazionali anche con finalità culturali e promozionali;
e. promuove i valori di difesa e sicurezza della Patria, la fedeltà alle istituzioni democratiche, rafforzando i vincoli di solidarietà tra il mondo militare e la società civile;
f. sensibilizza l’opinione pubblica sulle questioni della difesa e della sicurezza nazionale, sul ruolo e l’importanza dei riservisti, sulla cultura della sostenibilità ambientale e sociale;
g. fornisce il proprio apporto negli interventi di difesa e protezione civile;
h. promuove l’elevazione e la qualificazione culturale e professionale, nonché la formazione continua superiore degli iscritti in Patria e all’estero, attraverso la partecipazione a corsi di studio, di aggiornamento e addestramento e con attività fisica e sportiva;
i. realizza, nell’ambito delle proprie disponibilità, assistenza morale e materiale nei confronti degli iscritti;
j. rappresenta ai competenti organi gli interessi degli iscritti;
k. concorre a richieste di collaborazione in materia di rappresentanza militare degli Ufficiali delle categorie in congedo nel quadro della vigente normativa.

26.11.12

Missione SLIDE 2012: compiuta



Sabato 24 novembre nel tardo pomeriggio si e' chiuso il capitolo 2012 della nostra esercitazione SLIDE, che quest'anno si componeva di una prova di tiro e una campale diurna in poco più di un mese,

Circa 40 persone in totale hanno preso parte alle prove e hanno mostrato di gradire le modifiche dell'edizione 2012. La SLIDE e' qualcosa che cambiamo di anno in anno, mantenendo intatti i principi guida (gratuita, strettamente formativa e non competitiva, vicino a Torino), cercando di introdurre alcune delle variazioni richieste nel debriefing dell'anno precedente. Questo ha portato soprattutto l'edizione campale a modificarsi moltissimo dal 2001, anno in cui cominciammo ad organizzarla.

Il tiro ad Avigliana dello scorso 27 ottobre ha visto anche delle prove fisiche insieme al tiro e ha riscosso un buon successo. Avevamo solo un mese per concretizzare l'appuntamento campale e quindi, per non smentirci, abbiamo deciso di fare anche qui qualche modifica: anzitutto, da notturna abbiamo deciso di farla diventare diurna. Poi, abbiamo deciso di mettere una prova di montaggio tende, qualche trappolamento fatto bene e, per la prima volta, l'uso di ASG per tutto il percorso.

La missione ha avuto luogo a Lombardore e prevedeva che tre squadre pattugliassero degli itinerari dal punto di partenza a quello in cui si sarebbe dovuto montare un campo. Meta' giornata e' stata impegnata nel pattugliamento e nelle RAI attivate lungo i percorsi. Verso le 13.00 si e' montata la tenda e poi di nuovo pattugliamento, con molte attivazioni lungo i percorsi stabiliti.

Non ci siamo fatti mancare nulla, compresa l'evacuazione di un ferito in elicottero (quindi allestimento Zona Atterraggio Elicotteri). Purtroppo l'elicottero era simulato, ma come si dice basta il pensiero.

Battute a parte, la SLIDE campale si basa su uno scenario preciso quanto basta perché i partecipanti abbiano un contesto per l'attività e se non ci credono loro nulla funziona. Fortunatamente tutti si sono davvero immersi moltissimo nella simulazione. Otto ore tese in cui tutti hanno dato il massimo e che per noi e' stato il momento culminante dell'anno.

Sono sempre più rare le occasioni per fare formazione in modo coinvolgente (e anche non noioso) e siamo sicuramente contenti del risultato, che potete vedere nella galleria fotografica allegata. Se avete foto da inviarci le inseriremo nello stesso album.

Domani sera ci sarà il consueto debriefing e vedremo quali suggerimenti utilizzare per l'anno prossimo.

Vi aspettiamo

Nessun commento: