SLIDE 2014: peacekeeping a... Lombardore

Un momento delle fasi finali della SLIDE: ricerca e recupero disperso (c) UNUCI Torino
Una delle classiche sensazioni pre-SLIDE è la frustrazione: c'è sempre il momento in cui tutto sembra in bilico, niente va per il verso giusto e si teme di non farcela in tempo. E-mail, telefonate, SMS, ogni sistema di comunicazione viene impiegato per far combaciare tra loro i mille piccoli pezzi del puzzle.

Poi si arriva sul campo e tutto va come deve andare. 

Insomma, "quasi". Quest'anno siamo tornati in quel di Lombardore, al campo sportivo dove abbiamo fatto base in altre edizioni passate e una delle ragioni era la migliore ricezione radio nella zona. Il risultato: mai avuto tante interferenze e problemi per parlare tra comando e squadre. Ovviamente, i problemi reali in una attività come la nostra entrano a pieno titolo nella simulazione e quindi squadre e comando hanno dovuto risolvere anche questo guaio o, quando non è stato possibile, lavorare con le informazioni a disposizione. 

La SLIDE è anche questo: tutto è reale, tranne le armi e i feriti (per fortuna).

Dopo il doveroso alzabandiera, il briefing (c) UNUCI Torino

L'edizione di quest'anno ha visto 4 squadre comporre il dispositivo che doveva mettere in sicurezza e, in sintesi, svolgere pattugliamento e interdizione in un'area cuscinetto fra due opposti schieramenti. Le prove, come sempre, non erano localizzate in punti fissi, ma venivano letteralmente "portate" dove erano schierate le varie squadre. A differenza delle tradizionali gare di pattuglia, nella SLIDE (che tra l'altro non è né può essere competitiva) tutto è parte dell'esercitazione. 
posto di controllo mobile (c) UNUCI Torino
Dopo aver eseguito prove di controllo veicoli, posti di osservazione e allestimento ZAE, i team hanno dovuto effettuare la ricerca ed il recupero di un disperso (questo ovviamente simulato). Il malcapitato (l'ormai eroico manichino di Sezione) è stato poi portato al campo sportivo, dove abbiamo concluso la giornata con l'imbarco simulato in elicottero, mettendo a buon frutto le procedure apprese nella nostra visita ai Vigili del Fuoco l'anno scorso.

Il tutto è durato circa 8 ore e la stanchezza alla fine era abbastanza visibile: tutti hanno interpretato bene e con partecipazione i ruoli assegnati e, malgrado i problemi di comunicazione, nessuno si è fatto male e forse abbiamo pure imparato qualcosa.

Grazie a tutti quindi: dal comando alle squadre agli attivatori. Al Comune di Lombardore che ci ha ospitati ancora una volta, ai colleghi di UNUCI Cuneo che sono tornati alla SLIDE dopo alcuni anni e agli amici dell'ANSMI che da qualche edizione sono ormai partecipanti fissi. 

Le foto sono state caricate su Google+: dateci l'amicizia e vederle e restare in contatto con noi (promettiamo di non esagerare).

Eccezionalmente, la riunione del martedì è spostata mercoledì 16 Aprile. Faremo il debriefing dell'attività e avremo modo di salutarci e farci gli auguri per la prossima Pasqua.

Vi aspettiamo.



Commenti